Stampa

I mercati finanziari nel corso del tempo - Oggi e domani: uno sguardo al futuro digitale

Aperitivo "Mercato monetario", Zurigo, 05.04.2018

  • Testo integrale in tedesco: "Finanzmärkte im Wandel der Zeit - Heute und morgen: Ein Blick in die digitale Zukunft"
    PDF (509 KB)
  • Testo integrale in inglese: "The financial markets in changing times - Changes today and tomorrow: the digital future"
    PDF (508 KB)
  • Testo integrale in francese: "Marchés financiers au fil du temps - Evolution dans le domaine du numérique: état des lieux et perspectives d'avenir"
    PDF (505 KB)

Fintech, DLT e criptomonete sono attualmente un tema di grande interesse per il pubblico e il settore finanziario. Già in passato peraltro sono esistite diverse monete private alternative. Tuttavia, nel mondo digitale di oggi, è diventato estremamente facile crearne di nuove per semplice via informatica. Le criptomonete da sole sono però lungi da essere paragonabili alla moneta.

È importante distinguere fra le criptomonete come strumento di investimento e la tecnologia sottostante. La "Distributed Ledger Technology" (DLT), sulla quale si basano le criptomonete, ha buone potenzialità in diversi ambiti dell'economia. La DLT è una delle innovazioni più significative in ambito fintech.

La DLT riguarda anche una componente importante del sistema finanziario, ossia l'infrastruttura del mercato finanziario. Dato che fra i compiti istituzionali della Banca nazionale svizzera (BNS) figura anche quello di agevolare e assicurare il corretto funzionamento dei sistemi di pagamento senza contante e che la BNS deve poter contare su un'infrastruttura del mercato finanziario sicura, essa osserva e accompagna molto da vicino gli sviluppi in questo ambito. La BNS accoglie con favore le innovazioni che accrescono l'efficienza. Tuttavia, questo non può essere l'unico criterio. In veste di banca centrale, essa deve sorvegliare anche i rischi. Ciò vale in particolare per quelle parti dell'infrastruttura che sono di rilevanza sistemica per la Svizzera. A tale riguardo la BNS pone i massimi requisiti in termini di sicurezza.

Per minimizzare i rischi nei settori di rilevanza sistemica, rimane necessario uno strumento di pagamento privo di rischio. Pertanto, attualmente, i pagamenti di grande ammontare ad alta criticità temporale sono generalmente regolati tramite i sistemi di pagamento della banca centrale e nella moneta di quest'ultima. Gli istituti di emissione assicurano così una base affidabile per l'infrastruttura. Non si può ancora prevedere se in futuro la DLT sarà impiegata anche in questo ambito. Qualora la DLT dovesse affermarsi nel regolamento delle transazioni in titoli, non è chiaro come i sistemi di pagamento basati su tale tecnologia potrebbero coesistere con quelli convenzionali delle banche centrali.

In linea di principio spetterà però al mercato decidere quali tecnologie e quali soluzioni si affermeranno infine attorno a questa solida base. La divisione dei ruoli tra banche centrali e banche commerciali rispecchia il nostro sistema finanziario attuale a due livelli, che contribuisce alla stabilità del sistema stesso permettendo anche una sufficiente flessibilità per le innovazioni.

Con il termine fintech non si intende tuttavia solo la DLT. Per soddisfare le esigenze in continuo mutamento della clientela, le aziende fintech lavorano costantemente, proprio come le banche, alla ricerca di nuove soluzioni. Un ambito importante relativamente a questo tema è il circuito dei pagamenti al dettaglio. La BNS seguirà da vicino gli sviluppi per poterne valutare tempestivamente e in ogni momento le implicazioni per il sistema finanziario.

Attualmente si discute molto la possibilità che le banche centrali emettano una moneta digitale per tutta la popolazione, assumendo un ruolo più importante nel segmento dei clienti finali. La BNS respinge questa idea. Per garantire l'efficienza del circuito dei pagamenti senza contante non è necessaria una siffatta moneta digitale. Essa non apporterebbe alcun vantaggio, bensì farebbe insorgere rischi incalcolabili nell'ambito della stabilità finanziaria.